Le nostre materie prime

Modal

E’ una una fibra morbidissima prodotta dalla polpa del legno di Faggio, i tessuti fatti di modal non si sfibrano
Rispetto al cotone, essi si restringono e scoloriscono più difficilmente. Sono lisci, soffici e, se lavati in acque dure, non trattengono i minerali come il calcare sulla superficie trattata. I tessuti in modal sono stirabili dopo il lavaggio come il cotone puro.
La fibra di modal è circa il 50% più igroscopica, per unità di volume rispetto al cotone: significa che ha un’alta capacità di assorbire l’umindità, lasciando la pelle perfettamente asciutta. Per questo motivo ha un largo impiego domestico per gli indumenti e i tessuti per il bagno e per la casa.
Il modal viene spesso aggiunto al cotone per migliorarne le qualità.

Raso

Il raso è un tessuto costruito con filati molto leggeri e fini. Si presenta lucido, uniforme, dalla mano morbida e cascante.

E’ generalmente costruito con fibre artificiali come il Poliestere.
Quello che viene da noi utilizzato è arricchito con una certa percentuale di Elastan (o Elastomero) in modo che il capo ne guadagni resistenza soprattutto in vestibilità e confort.

Lana

La lana è una fibra naturale che si ottiene dalla lavorazione del pelo del manto, vello, che viene ottenuto tosando, per la maggior parte, particolari specie di pecore allevate per questo scopo. Questa fibra è nota per le sue caratteristiche di isolamento, e non solo dal caldo.

La lana, una volta lavata, ripulita e sgrassata, ha una tinta che va dall’avorio al bianco. Con una struttura rigida ma calda al tatto, per via dell’aria trattenuta tra le fibre.

La lana al 100% è quasi sparita dal mercato in quanto, a causa della sua conformazione, può dare fastidio a contatto diretto con la pelle, per cui spesso viene commercializzata in mescola con altre fibre più o meno preziose (dalla Seta al Poliestere) che le conferiscono una maggiore stabilità ai lavaggi e un maggiore confort.

Cotone

Come tutti sapranno il cotone è una fibra naturale ricavata dalla pianta della Bambagia o più comunemente detta proprio Pianta del Cotone.
Lavorando questa fibra naturale a mezzo filatura si otterranno dei filamenti continui che montati su specifici telai si andrà a ricavare il tessuto in base all’esigenza e al prodotto che si vorrà ottenere.

Per l’intimo si prediligono le fibre più leggere lavorate a Jersey o a costine e spesso arricchite con una piccola percentuale di Poliammide che ne conferirà una mano più elastica essendo il cotone al 100% un tessuto rigido.